fbpx

Il ruolo delle memorie orali

Memorie orali mombello

Entrare  in contatto con le memorie orali mi ha fatto capire quanto il mio racconto fotografico fosse cambiato, e che non avrei più potuto fare a meno di michiare storie a immagini Il calore della voce, la scelta dei vocaboli per spiegarmi un concetto e il tono, il vero protagonista indiscusso dell’emotività della narrazione. E … Leggi tutto

Reparto Donne Agitate

Tutto cominciò nel 2007.Era una fresca e soleggiata giornata di Marzo quando varcai per la prima volta l’ingresso del manicomio di Imola: l’Osservanza.Una schiera di padiglioni identici, una geometria meticolosa di architettura manicomiale, come se la normalizzazione del comportamento passasse attraverso gli spazi dove i pazienti vivevano. Padiglioni identici, strade identiche. Cielo cemento terra. Cielo … Leggi tutto

Architetture di esclusione

“Nessuna contenzione.” Con queste 2 parole la sintesi del lavoro di John Conolly, psichiatra inglese che liberò il manicomio di Hamwell, una piccola cittadina del distretto londinese di Ealing, dai metodi violenti nella gestione dei pazienti. Era il 1839, epoca Vittoriana, quando Conolly si insediò nel St Bernard’s Hospital e, nello stesso anno, vi riuscì … Leggi tutto

Ritratti di Silenzio

“tocca ‘l mùr tocca ‘l mùr” si poteva udire sotto il reparto maschile del manicomio San Benedetto di Pesaro. Tocca il muro. Una singolare richiesta. Usare il tatto per capire il manicomio. Toccare con i polpastrelli l’intonaco della parete esterna, come se i residui che si fossero incastrati fra le nostre dita custodissero qualcosa di … Leggi tutto

L’ultimo manicomio criminale

Anno 2017. L’ultimo paziente dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino lascia la struttura e si conclude così l’era degli OPG. Il cancello si chiude. Per l’ultima volta. Si sarà voltato indietro l’ultimo detenuto dell’OPG mentre varcava la soglia di uscita? Fa caldo fuori, cielo celeste, giornata di primavera anche se siamo a Febbraio. Cammino spedito … Leggi tutto

Annalisa e le lettere dal manicomio

Sono nascoste nel buio e fra la polvere. Nel silenzio e lontano dal contatto umano, inserite all’interno di buste collocate dentro cartelle cliniche. Sono nascoste ma esistono. Sono lettere. Corrispondenza che non ha mai lasciato le mura degli ospedali psichiatrici. Epistolario di dolore e speranza. Negli anni in cui i manicomi erano attivi, quella di far … Leggi tutto

Follia di classe

È la prima volta che entro dentro il manicomio di Genova Quarto e già mi accorgo di essere dentro un luogo speciale. Fra le scritte di Melina Riccio e i capolavori di Art Brut conservati, io non respiro l’aria di manicomio. Respiro il superamento. Sento l’unità. Vivo la collettività. Cammino fra i vecchi portici del … Leggi tutto

La Santa dei folli

“No, io non sarò mai tua moglie. Non posso farlo. Sono tua figlia e non sarò mai tua moglie”. Non sappiamo con esattezza le parole che Dinfna pronunciò di fronte a suo padre ma possiamo immaginare il rumore della spada che lui sfoderò nel freddo silenzio di una chiesa del Belgio. Possiamo immaginare la potenza … Leggi tutto

La Certosa di Collegno

certosa di collegno

“Riesci a immaginare il silenzio? Il silenzio tipico della preghiera, della dedizione, della fede. Immagina quel silenzio dilaniato dalle grida dei pazzi”. [su_spacer][su_spacer][/su_spacer] Chiudo gli occhi e cerco d’immaginarmi la scena: il rumore dei passi dei monaci, lo sfregare della tonaca appena le dita della mano destra toccano la fronte accompagnate da un silenzioso “nel … Leggi tutto

Social Proof Experiments