Sanatorio Carignano Lucca

L’inizio: primi passi nei luoghi abbandonati

Penso che in qualsiasi progetto l’inizio sia uno dei passi più difficili da fare perchè aspettiamo sempre di essere “pronti”.

Essere pronti. Eccola la difficoltà. Non lo saremo mai prima di partire, vivremo sempre con quell’ansia di essere un passo indietro, anche se non sappiamo a chi. Quindi, per essere pronti bisogna partire. Punto.

Ero su internet in una giornata abbastanza normale di circa 8 anni fa e casco in un sito molto interessante: archeologia industriale.

Non l’ho scelta io. Mi ha scelto lei.

Mi fermo, la guardo, la studio, mi lascio rapire. Fotografare luoghi per poterne testimoniare la storia, l’esistenza, sensazione incredibile. Da lì la voglia di partire, di vedere, non so se ero pronto ma la curiosità mi ha spinto, non mi ci ha fatto pensare mettendo la mia “preparazione” in secondo piano.

La curiosità. Eccolo un grande motore. La curiosità.

E comincio a muovermi, assetato di storia da immortalare e di ricordi da ascoltare quando magicamente accade una cosa: all’improvviso noto intorno a me un sacco di luoghi abbandonati, c’erano anche prima ma non si lasciavano vedere, o meglio, non gli notavo.

Iniziano così gli scatti, le ricerche, i permessi, gli incontri con le persone, le prime mostre, l’apertura del sito fino a questi post che state leggendo sul blog: un posto dove mettermi a nudo raccontandovi la storia del mio progetto fotografico cominciato 8 anni fa, raccontandovi i miei viaggi, le ricerche e tutti gli altri aspetti legati a questa realtà fotografica.

Gli ho voluto dare anche un nome più preciso cambiando “industriale” in “sanitaria”, visto i soggetti che ho scelto di fotografare .

Archeologia Sanitaria. Non l’ho scelta io. Mi ha scelto lei.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

2 commenti su “L’inizio: primi passi nei luoghi abbandonati”

  1. Per ragioni di sicurezza conviene dotarsi di un elmetto da cantiere, che protegge anche dalla polvere, e non dimenticare di non essere mai da soli ed avvertire in famiglia o scrivere un messaggio di dove si stà andando, come riferimento in caso di problemi. Doppia batteria per il cellulare.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.