Pillole di Silenzio #13 – Guardando la follia attraverso la poesia

Nuovo incontro settimanale per Pillole di Silenzio che supera i 4 mesi di vita.
4 mesi fa mi chiedevo, un po’ stupito, cosa fosse questa poesia ispirata dalle mie fotografie, dove volesse andare. Oggi mi sento di dire che Pillole di Silenzio ci guarda dentro, ci usa come strumento per mostrarci le emozioni della follia, con i suoi disagi, le sue fantasie, i suoi dolori.

Attraverso l’abilità dei nostri autori ne riescono a disegnare un volto nuovo, fatto di imperfezioni, di durezza ma soprattutto di emozioni, sincerità e debolezza: quello della follia.

Continua il nostro viaggio all’interno del manicomio di Cogoleto con i versi di Sara Guasti.

Vi lascio alla lettura di questa nuova poesia e vi ricordo le passate pubblicazioni:

Sara su PdS#1  –  Sara su PdS#2 – Sara su PdS#3 – Simone su PdS#4 – Sara su PdS#5 – Simone su PdS#6 – Sara su PdS#7 – Simone su PdS#8 – Jessica su PdS#9 – Simona su PdS#10 – Sara su PdS#11 – Jessica su PdS#12

Pillole del Silenzio sarà aggiunta anche nella newsletter con cadenza mensile a cui sto lavorando e vi potete iscrivere inserendo i vostri dati pannello che trovate in alto a destra in questo post.

Seguite su twitter l’hashtag #Pilloledisilenzio per tenervi aggiornati sulle nostre poesie.

PDS13

Titolo: Nello stagno
Autore: Sara Guasti
E-mail: saraguasti@gmail.com

Condividi questo post

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp