benvenuti su giacomodoni.com

Fotografia contemporanea di archeologia sanitaria per la tutela della memoria storica
degli ex manicomi in Italia chiusi dopo la legge 180 del 1978..

SCOPRI IL PROGETTO FOTOGRAFICO PERSISTENZE

La documentazione fotografica sulle ex strutture manicomiali abbandonate dopo la legge 180. Una ricerca nata per tenere viva la memoria di questi luoghi e delle storie che ne popolano i loro spazi.

Scopri persistenze


LEGGI IL MIO PRIMO EBOOK ERA MOMBELLO

Una storia celata dietro un vecchio album fotografico sul manicomio di Mombello. Un progetto di digitalizzazione di questo materiale per difenderlo dall’essere dimenticato. Uno spaccato del nostro paese che abbiamo il dovere di ricordare. E scoprire. In questo e-book c’è un racconto di questo manicomio. E il forte messaggio che porta con sè.

Scarica gratuitamente l’ebook Era Mombello


ASCOLTA LA CONFERENZA ARCHEOLOGIA SANITARIA

Perchè fotografare manicomi? Perchè farsi raccontare una storia prima di scattare una fotografia? Perchè tutto questo è indispensabile? Tutto queste domande e molto altro nella conferenza del 17 Ottobre 2015 a Cogoleto. Nella città del manicomio più grande d’Italia, sono il relatore di uno splendido incontro sulla tutela della memoria.

Guarda il video integrale


Leggi il blog

In questo blog raccolgo pensieri, esperienze e racconti che mi stanno accompagnando durante la realizzazione di questo progetto.



Archeologia Sanitaria VARIE 
La Santa dei folli
3 giugno 2017 by Giacomo Doni 


“No, io non sarò mai tua moglie. Non posso farlo. Sono tua figlia e non sarò mai tua moglie”....


Read More
certosa di collegno
Archeologia Sanitaria 
La Certosa di Collegno
16 giugno 2016 by Giacomo Doni 


“Riesci a immaginare il silenzio? Il silenzio tipico della preghiera, della dedizione, della fede....


Read More
Archeologia Sanitaria 
Parole dal manicomio
23 aprile 2016 by Giacomo Doni 


Le persone vivono attraverso i loro racconti, attraverso le sue testimonianze. Attraverso i ricordi che le altre...


Read More

UNISCITI AI LETTORI CHE DIFENDONO LA MEMORIA DI QUESTI LUOGHI ISCRIVENDOTI ALLA NEWSLETTER